Brize de ‘n poer mizer past (Ita)

  Testo In Dialetto Testo in Eng Scarica

Briciole di un povero misero pasto

Tu che tentenni dietro una porta,

lontano più lontano chi c’è?

C’è da mettere giudizio o da tagliare di sbieco chi

 lascia passare tutti i giorni

che ci sono stati  tra me e te.

E scrivere di gesso,

ripulire i vivai dei miei pensieri

riempiendosi di malinconia  e con il lago

che resta giù a farsi guardare.

Strafare per non passare per quello consumato,

abbracciandoti tirandoti verso me, coprire il fuoco

e restare come briciole di un povero misero pasto.

Paglia nei campi, il pavimento intorno a me per

un estate che piange dietro a sé.

Star qua muto, spine nella mangiatoia o

farsi dire…cosa hai fatto, del male?

No, io qui sto su un filo.

E scrivere di gesso,

ripulire i vivai dei miei pensieri

riempiendosi di malinconia  e con il lago

che resta giù a farsi guardare…

Strafare per non passare per quello consumato

abbracciandoti tirandoti verso me, coprire il fuoco

e restare come briciole di un povero misero pasto.

Come nuovo, non c’è un difetto.

Starsene fermo a mollo come uno straccio di casa.

a prendere tempo…che c’è da fare? Resta un nome da scegliere.

Lasciatemi stare, sono stufo di farmi spiegare.

Lasciatemi stare…è un salasso starmene ad aspettare.

Lasciatemi stare…sta per sciamare…sta per sciamare

…sta per sciamare.

 Strafare per non passare per quello consumato,

abbracciandoti tirandoti verso me, coprire il fuoco

e restare come briciole di un povero misero pasto.